images/la_cura_delle_parole.gif

Ciò senza il quale vivere non sarebbe più vivere

Leggi tutto: Ciò senza il quale vivere non sarebbe più vivere

All’origine e poi nel corso dell’intera vita cristiana c’è quel mutamento radicale di cui trovo un’espressione significativa in una parola dell’apostolo Pietro. Dopo il discorso di Gesù sul pane di vita, tutti se ne vanno: “È pazzo”, dicono. Il che significa: è estraneo alla nostra ragione. “Volete andarvene anche voi?”, domanda Gesù ai suoi discepoli. Liberi di farlo. “Da chi andremo? – risponde Pietro – Tu hai le parole della vita” (cf. Gv 6,67-68). Pietro non capisce di più, però sa già che partire vorrebbe dire lasciare la propria vita. Ciò che quell’uomo gli ha svelato della sua stessa esistenza. Gesù non è ciò che egli possiede, ma ciò senza il quale vivere non sarebbe più vivere. Egli è già l’essenziale, e resta differente; necessario, e imprendibile.

Continua la lettura

Intervista a Enzo Pagani

Leggi tutto: Intervista a Enzo Pagani

Il futuro dei libri, ameno per un periodo di medio termine, lo vedo giocarsi più che sui testi digitali, nella possibilità di garantire la visibilità a quanto verrà scritto. Senza dimenticare che saranno comunque le grandi agenzie educative (dalla scuola fino al mondo ecclesiale) che diranno quale sarà il futuro del libro. Una bella sfida.

Continua la lettura

Attesa di luce

Leggi tutto: Attesa di luce

Lucio Fontana (1899-1968), Concetto spaziale, Attese, 1959, idropittura e olio su tela, oro e verde, 100,5 x 125,2 cm, Collezione privata
utilizzata per il libro di Peter Bouteneff, Come essere peccatori.

Proprio la ferita più grande e profonda della tela è trasfigurata da una pennellata d’oro. La ferita non scompare, ma può guarire. Nei giorni difficili tornerà a sanguinare, ma dove la ferita brucia nascerà una nuova pelle. 

Continua la lettura

Un dono intergenerazionale

Leggi tutto: Un dono intergenerazionale

Abbiamo prestato fede al potere, al denaro, all’immagine, al nostro piccolo io. E alla paura, soprattutto sotto l’attacco del virus covid-19. Ma non basta ripetere che “la crisi è un’opportunità”, occorre scuotersi per seguire con fiducia le grandi evidenze della realtà che finora sono state oscurate. La prima ricorda che siamo una sola umanità sulla stessa terra. Ogni logica di competizione, di sfruttamento, di respingimento e di “autonomia differenziata” porta a crimini contro l’umanità. Il mio nemico non è l’altro, è il male che viene da cause fisiche imponderabili e soprattutto dalla violenza e dall’iniquità. La vita è la comunità dei viventi. Il suo valore è indivisibile, non si può calcolare in base alla generazione, al genere, all’etnia, al colore della pelle o al censo.

Continua la lettura

Passi di danza per un nuovo dialogo

Leggi tutto: Passi di danza per un nuovo dialogo

Jonathan Bachman, Proteste a Baton Rouge, foto Agenzia Reuters, 2016
utilizzata per il fascicolo di Luciano Manicardi, Contrastare l'odio.

Una donna che apre un nuovo dialogo, coraggiosa, capace di cogliere l’attimo e di allentare la tensione. Un luogo di incontro insolito, ma grazie ai suoi protagonisti, capace di irradiare una nuova via di dialogo. Un gesto semplice per contrastare l’odio serpeggiante tra i due blocchi che possono ancora incontrarsi nella loro comune umanità.

Continua la lettura